venerdì 8 marzo 2019

Non tutti gli uomini vengono per nuocere / Federica Bosco

Cristina è una trentenne come tante: un fidanzato, un lavoro e una casa da sola.
La sua vita cambia all'improvviso quando Lorenzo la lascia e lei, dopo un abuso di alcolici e pastiglie di valeriana, finisce in ospedale per una lavanda gastrica.
E in ospedale il colpo di fulmine: il medico del pronto soccorso è la personificazione dell'uomo perfetto e, inutile dirlo, Cristina se ne innamora a prima vista salvo poi scoprire che ha una fidanzata medico talmente carina che non la si può proprio odiare.
Tornata al lavoro nella tv locale Cristina combina un casino perdendo così anche il lavoro e a ruota la casa: si vede così costretta a tornare a casa dei suoi che si amano pazzamente da 40 anni e a condividere gli spazi con il gemello pluri laureato.
Da qui la sua vita non fa che prendere nuove svolte: in tv la rivogliono addirittura come protagonista (un po' sfigatella) di un nuovo programma in cui ogni giorno deve provare un lavoro diverso e, pur di frequentare l'amato dottore, inizia ad uscire con Alberto l'amico noioso e saccente.
L'amica Carlotta, insegnante di yoga, le consiglia di vedere la vita sotto un altro aspetto e di iniziare a decifrare i messaggi che le invia l'universo: sarà in grado Cristina di ritrovare il suo baricentro?

Se avete voglia di un romanzo divertente con una protagonista irresistibile, beh questo romanzo fa per voi! Non si può non volere bene a Cristina così piena di sogni da cacciarsi sempre in situazioni strane a volte al limite dell'assurdo. Vi confesso che mi sono fatta della grandi risate e, nonostante io non sia una fan delle storie a lieto fine, ho fatto il tifo per Cristina fino alla fine ma ovviamente non voglio togliervi il piacere della lettura con uno spoiler!
I personaggi che le ruotano intorno (gatto obeso compreso!) sono davvero ben tratteggiati e diversi fra loro e suscitano simpatie ed antipatie proprio come persone in carne ed ossa. Non è così anche nella vita? Ci sono persone che entrano a far parte della nostra vita (non solo uomini) ma non ci lasciano niente o addirittura ci lasciano l'amaro in bocca mentre altre sono in grado di migliorarci.

E' il secondo libro che leggo di questa autrice (QUI l'altra recensione) e sicuramente cercherò altri titoli.

Non tutti gli uomini vengono per nuocere
Federica Bosco
Edizioni Mondadori
€ 17 / pagg 359

Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di HomeMadeMamma

venerdì 1 marzo 2019

Un libro / Hervé Tullet


I libri di Herve' Tullet sono da sempre considerati innovativi e questo libro non fa eccezione ed è un libro che prendiamo spesso in prestito in biblioteca.
Essenziale anche nel titolo, questo libro coinvolge il lettore fin dalle primissime pagine in un gioco divertente e bellissimo: si parte da un semplice pallino giallo e pagina dopo pagina veniamo guidati da una voce narrante che ci indica cosa fare in un gioco coinvolgente e geniale.
Se premiamo sul pallino giallo la pagina dopo ne abbiamo due e poi tre, se li sfreghiamo cambiano colore, se agitiamo il libro li mischiamo tutti, se soffiamo forte togliamo il velo della notte e se battiamo le mani diventano sempre più grandi.
E quando il libro finisce possiamo ricominciare il gioco dalla prima pagina!



Come vi dicevo nelle prime righe, un libro davvero essenziale che basa tutta la sua magia su pochi semplici elementi.
Un libro interattivo che non necessita di elementi aggiuntivi per conquistare il lettore, adatto anche ai bambini più piccoli che ne sapranno apprezzare maggiormente la magia.

Un libro
Herve' Tullet
Edizioni Franco Cosimo Panini
€ 12.00

Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di HomeMadeMamma




martedì 26 febbraio 2019

Golden milk, la mia coccola quotidiana



Mi sono imbattuta in questa ricetta quasi per caso e da parecchie settimane è diventata ormai una piacevole coccola mattutina!
Ma cos'è il golden milk? Altro non è che latte con miele e spezie che deve il suo nome all'utilizzo della curcuma che gli conferisce appunto il colore dorato.
Al di là del sapore davvero piacevole, il latte d'oro ha molteplici proprietà, fra le altre:
* riduce le infiammazioni
* disintossica l'organismo
* è perfetto in caso di tosse e raffreddore
* aumenta le difese immunitarie

La ricetta è davvero molto semplice, basta preparare la pasta di curcuma come segue:
si scaldano 120 ml di acqua minerale naturale in un pentolino insieme a 50 gr di curcuma mescolando per un paio di minuti a fuoco basso finché non si addensa in una pasta. 
Una volta lasciata raffreddare si conserva in frigorifero in un vasetto di vetro.

Il Golden milk si prepara scaldando il latte possibilmente vegetale (io uso l'avena) in un pentolino con mezzo cucchiaino di pasta di curcuma. Quando il latte inizia a fumare si toglie dal fuoco e si aggiunge 1 cucchiaino di miele e una spolverata di cannella. La ricetta che ho trovato QUI prevede anche 1 cucchiaino di olio di mandorle dolci ma non amando molto il sapore della mandorla l'ho escluso dalla mia ricetta.

Conoscevate questo particolarissimo latte??

ps: il donut è una rara coccola del sabato

venerdì 22 febbraio 2019

Spino / Ilaria Guarducci


Nel bosco nero nero vive Spino, un mostriciattolo ricoperto di spine.
Ama i suoi spunzoni che gli servono non solo come difesa ma anche per spaventare gli altri animali e tenerli lontani: ha studiato alla scuola di cattiveria dove ha imparato tutte le tecniche dello spavento ed è convinto di essere cattivissimo.
I suoi passatempi preferiti? Affilarsi gli spunzoni, rubare merende, staccare ali alle farfalle e petali ai fiori e imprigionare cinciallegre e pettirossi in grossi barattoli di vetro.
Ma un giorno tutto cambia: una ad una le sue spine iniziano a cadere lasciandolo tutto rosa e morbidoso. Così, senza la sua armatura, Spino non fa più alcuna paura anzi gli altri animali ridono di lui!
Tutto solo e sconsolato passa il suo tempo su un sasso finché succede una cosa incredibile: il Coniglio Bernardo gli rivolge la parola e lo convince a seguirlo in una passeggiata durante la quale Spino scopre quanto sia bello avere delle persone vicino.
Giorno dopo giorno Spino si fa degli amici e scopre cose che non poteva fare quando era coperto di spine come sentire il vento e l'erba sulla pelle, giocare a palla e abbracciare gli altri.
Questa magia purtroppo un giorno finisce e Spino si ritrova nuovamente ricoperto di spunzoni: può ricominciare a spaventare gli altri ma non prova più la stessa soddisfazione di un tempo e questo lo fa sentire confuso.
Per fortuna l'amico Bernardo lo convince che, con o senza spunzoni, Spino è sempre Spino!



Un bell'albo illustrato sul valore dell'amicizia, sulla bellezza dello stare insieme e sulla gioia del divertimento. Una storia delicata che tratta però argomenti molto profondi come sentirsi accettati dagli altri e la ricerca della propria identità.
Le illustrazioni davvero gradevoli sono ironiche e molto simpatiche ricche di particolari spinosi tutti da individuare insieme.

Spino
Ilaria Guarducci
Edizioni Camelozampa
€ 14.00

Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di HomeMadeMamma


venerdì 8 febbraio 2019

Di che colore è un bacio? / Rocio Bonilla

Per il mio post dell'anno (no comment!!) volevo suggerirvi un bel libro davvero dolcissimo, un libro raccontato in prima persona dalla sua protagonista.


Ciao! Mi chiamo Monica ma tutti mi chiamano Minimoni.
Amo fare tantissime cose come sfrecciare con la mia bici, ascoltare le storie della mia mamma, curare le piante....ma la cosa che amo fare di più in assoluto è colorare.
Dipingo milioni di cose ma non ho mai dipinto un bacio perché non so di che colore sia!
Forse rosso come gli spaghetti al pomodoro? Non credo, il rosso è anche il colore della rabbia e non baci nessuno quando sei arrabbiato....
Magari giallo? Il giallo è il colore delle buone idee e poi i baci sono dolci come il miele!
Però non mi piacciono le api....
Potrebbe essere rosa come i miei dolci preferiti ma io proprio non sopporto il rosa principessa!
E se fosse bianco come la neve e la luna? Noooo, la neve è fredda mentre i baci sono caldi...
Di sicuro non è nero come il buio nè grigio come il fumo.
Sono un  po' confusa, forse è meglio chiedere alla mamma che, con un bacio, mi rivela che i baci racchiudono tutti i colori del mondo!


Un albo davvero carino, mi è piaciuta l'idea di dare un colore ai baci e in qualche modo alle emozioni (un'idea sempre bella come già visto ne I colori delle emozioni).
Le illustrazioni sono bellissime ed è bello scoprire, pagina dopo pagina, quello che pensa Minimoni e le cose e le sensazioni che abbina ad ogni colore.
Sì perché per ogni colore c'è sempre qualcosa che ama e qualcosa invece che proprio non sopporta e questo può essere uno spunto per chiedere al piccolo lettore le cose che ama e quelle che ama meno nei colori che troviamo in ogni pagina.

Di che colore è un bacio?
Rocio Bonilla
Valentina Edizioni
€ 12.90

Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di HomeMadeMamma


venerdì 21 dicembre 2018

Il lupo che non amava il Natale/ Orianne Lallemand


Sembrerà quasi impossibile ma al mondo c'è qualcuno che proprio non ama il Natale e questo qualcuno è Lupo, un lupo grande e nero che non ama le luci né le canzoni né tantomeno le decorazioni.
In una bella giornata di neve Lupo esce per fare due passi e per giocare a palle di neve con i suoi amici ma questi sono impegnati a decorare l'albero. Un altro amico non può uscire perché deve addobbare il suo albero, un altro ancora sta facendo i biscotti di Natale, un altro ancora sta scrivendo la lettera a babbo Natale.
Persino l'amata Lupa non ha tempo per lui perché deve preparare la cena della Vigilia.
Questo è troppo per un lupo che non ama il Natale!
Ma c'è un motivo per cui Lupo non ama questa festa: non l'ha mai festeggiata e un po' si vergogna a fare questa confessione...
Per fortuna Lupa ha la soluzione: coinvolgere Lupo nei preparativi x la vigilia. E così lo scettico Lupo fa il ripieno al tacchino, preparare il tronchetto al cioccolato ed è soddisfatto del suo lavoro.
Arrivato a casa trova tante sorprese che gli hanno lasciato i suoi amici per convincerlo ad amare il Natale: casa addobbata, un abete tutto per lui, candele e legna nel camino.
Il giorno dopo la cena preparata da lui e da Lupa ha un grande successo ma la sorpresa più grande la riceverà il giorno di Natale!


Questa storia di Natale fa parte della collana Amico Lupo (vi avevo fatto conoscere questo simpatico protagonista qui) che affronta diversi temi in modo mai banale.
In questo albo scopriamo perché Lupo non ama questa festa ma il bello della storia è scoprire, pagina dopo pagina, come Lupo cambi idea grazie all'auto dei suoi amici.
Un libro di Natale un po' diverso con un simpatico protagonista e con belle illustrazioni vivaci che vi piacerà senz'altro!

Il lupo che non amava il Natale
Orianne Lallemand
Edizioni Gribaudo
€ 8,90

Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di HomeMadeMamma



giovedì 20 dicembre 2018

Vasetti decorati per Natale


Come sapete il mio Tito ormai frequenta la 1 elementare e anche nella nuova scuola c'è la tradizionale bancarella di Natale in cui si vendono oggetti creati dalle mamme o dalle nonne degli alunni.
Quest'anno volevo fare qualcosa di diverso dalle mie solite decorazioni in pannolenci e mi piaceva molto l'idea di fare dei vasetti decorati con all'interno la candelina.
Purtroppo non ho trovato la vernice adatta da utilizzare sul vetro ma ho utilizzato uno spray color argento a base d'acqua che ho spruzzato sul vasetto in vari step in modo da renderlo uniforme e non vedere le colate.
Sulla superficie esterna. per formare la sagoma che poi sarebbe rimasta trasparente, ho utilizzato lo scotch carta che ho rimosso successivamente a vernice asciutta. Qualche perlina trasparente dell'Ikea e un nastrino hanno completato il vasetto.

Poi ne ho lasciati due "nature", senza alcuna decorazione: questi li ho riempiti quasi per metà con le perline trasparenti e una candelina verde ben fissata dalle perline.
Ho usato poi due nastri un po' più elaborati in modo da renderli più ricchi.
Onestamente non so se sono stati venduti, non sono andata alla bancarella ma comunque pensavo di realizzarne un paio per le feste da utilizzare come decorazione sulla tavola.
Anche voi avete realizzato dei lavoretti per la bancarella della scuola?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...