venerdì 4 settembre 2015

La misura della felicità / Gabrielle Zevin

Tutto quello che ti serve sapere di una persona lo capisci dalla sua risposta alla domanda: qual è il tuo libro preferito?

A.J. Fikry è lo scorbutico titolare di Island Book l'unica libreria presente su Alice Island, libreria che ha aperto anni fa con la moglie ormai defunta. A.J. non ama le persone, non ama i libri che vende soprattutto quelli che lui ritiene non di qualità e i libri per bambini.
Un giorno nella sua libreria, e proprio nel poco amato reparto dedicato ai bambini, A.J. trova Maya una bambina di 2 anni appena abbandonata dalla madre. La bimba è accompagnata da una lettera in cui la madre spiega le ragioni che l'hanno spinta a questo gesto.
A.J. decide di tenere la bambina con sé spiazzando tutte le persone che lo conoscono e da quel momento la sua vita cambia in meglio. La presenza di Maya gli addolcisce il carattere, torna ad avere una vita sociale e si interessa di più al suo lavoro organizzando gruppi di lettura nella sua libreria. Il suo rapporto con la cognata Ismay migliora e diventa amico del detective Lambiase. A.J. è pronto ad amare di nuovo e vorrebbe avere una possibilità con Amelia, la stravagante agente di una casa editrice che vede solamente durante la presentazione delle cedole stagionali dei nuovi titoli.
Forse anche per A.J. è tempo finalmente di tornare ad assaporare la felicità.

Avevo letto recensioni molto entusiate su questo romanzo tanto da incuriosirmi e a spingermi a prenotarlo: non sono stata l'unica perchè in biblioteca è stato prenotato per mesi.
E' stata la mia lettura da spiaggia ma purtroppo il libro non mi è piaciuto molto: la trama sembrava davvero accattivante ma ho trovato la storia un po' banale, scontata e poco coinvolgente. Anche i personaggi sembrano solamente tratteggiati e non vengono quasi mai analizzati a fondo.
Qualcuno di voi l'ha già letto?

La misura della felicità
Gabrielle Zevin
Edizioni Nord
€ 16.00 / 313 pagg

Con questo post partecipo al venerdì del libro di HomeMadeMamma

4 commenti:

  1. Anche a me non ispira nonostante le recensioni, mi pare, come dicevo altrove, l'ennesimo libro da treno che ci viene sparato in proposta in quantità magmatica e troppo grandi. Nella confusione si acquista, si legge e nel migliore dei casi due giorni dopo lo hai dimenticato... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È così, le recensioni lette mi hanno ingannata e la lettura mi ha delusa...

      Elimina
  2. Mmm... meglio evitare, dunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non ha entusiasmato però sai i gusti sono soggettivi!

      Elimina

Grazie per il tuo commento, a presto!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...