venerdì 3 febbraio 2023

Favole al telefono /Gianni Rodari

Favole al telefono /Gianni Rodari

Oggi voglio parlarvi di un libro senza tempo, le Favole al telefono di Gianni Rodari.
Come sono nate queste favole? Tutto ha origine dal ragionier Bianchi, un rappresentante di commercio che per sei giorni la settimana girava l'Italia in lungo e in largo e rientrava a casa solo la domenica.  Ogni lunedì, prima che ripartisse, la sua bimba gli ricordava che tutte le sere aveva bisogno di una storia per potersi addormentare.
E ogni sera puntuale alle nove, il ragioniere chiamava la sua bambina e le raccontava una storia. Pensate! quando il Signor Bianchi chiamava, le centraliniste sospendevano tutte le telefonate per ascoltare le sue storie.

In questa raccolta di storie brevi (il telefono costa) troviamo personaggi che ormai conosciamo tutti come Alice Cascherina che cascava sempre dappertutto e Giovannino Perdigiorno, gran viaggiatore e famoso esploratore.
E poi troviamo cose fantastiche come palazzi di gelato e strade di cioccolato, giostre che puntano diritte alle nuvole, nasi che scappano dai loro proprietari e persino ragazzi invisibili.

Storie piene di fantasia ed ironia che conquistano i lettori: noi ne leggiamo un paio la sera prima di andare a letto e sono sempre una piacevole lettura della buonanotte. In più abbiamo questa versione passata da cugino a cugino davvero adorabile!


Favole al telefono /Gianni Rodari


Favole al telefono 
Gianni Rodari 

lunedì 23 gennaio 2023

Abbi cura di splendere

 

Abbi cura di splendere

Ogni anno mi prefiggo, penso un pó come tanti, obiettivi e buoni propositi più o meno realizzabili. 

Diciamo che quest'anno ho pensato di ridimensionare un pó i miei buoni propositi e di ripartire da ME ovvero provare a prendermi un pó più cura di me. 

Sì insomma di volermi un pó più bene concedendomi o regalandomi momenti che mi facciano star bene. 

Non serve fare grandi cose!

Ad esempio voglio impegnarmi e trovare 5 minuti per mettermi la crema anche se c'è la cena da preparare,  concedermi un bagno anche se ho appena pulito casa e mi spiace sporcare subito o ancora godermi un caffè in compagnia di un'amica. 

Sono piccole cose ma che fanno bene all'umore e mi impegnerò per non deludere me stessa!

venerdì 9 dicembre 2022

La notte prima di Natale

La notte prima di Natale


Ma quanto è bella l'attesa del Natale?
Come da tradizione il giorno dell'Immacolata abbiamo fatto l'albero e finalmente si può iniziare a parlare di libri di Natale ed oggi vi propongo un libro che parla della notte che precede il Natale, senza dubbio la notte più emozionante per tutti i bambini che attendono l'arrivo di Babbo Natale!
Le strade sono bianche e la neve scende copiosa la notte della Vigilia: in casa tutti dormono e tutto è pronto per il giorno successivo con calze appese al camino e uno spuntino per Babbo Natale.
Quando il papà viene svegliato da un rumore e si affaccia alla finestra per controllare, nel cielo vede sfrecciare una slitta trainata da otto renne e guidata da un vecchino che le incita.
Le renne, obbedienti e sorridenti, volano veloci fino ad atterrare sul tetto di casa del nostro intrepido papà che zitto zitto scende in salotto ad aspettare l'arrivo di Babbo Natale che poco dopo scende dal camino tutto sporco di fuliggine.
Sporco ma felice e con gli occhietti brillanti, Babbo Natale si gusta lo spuntino, riempie le calze di doni e, appoggiando un dito sul naso, risale il camino e riprende il suo viaggio augurando a tutti un felice Natale.

La notte prima di Natale



Questo libro di Natale è dedicato ai più piccoli e quanto Tito era piccolo gli era  piaciuto molto per il testo in rima coinvolgente e con una bella musicalità, per la storia semplice ed immediata e per le belle illustrazioni invernali regalano un senso di pace soprattutto leggendo il libro prima di andare a dormire!

La notte prima di Natale
Edizioni Edicart Crealibri
€ 12.90






lunedì 28 novembre 2022

Natale low cost: buste da personalizzare

 Dicembre ormai è dietro l'angolo e si è già alla ricerca di idee per il Natale, soprattutto per quanto riguarda il tema "pacchetto regalo".

Da accomulatrice quale sono, ho sempre tante buste di carta neutre e non sempre le utilizzo durante l'anno per la raccolta della carta.

Le utilizzo invece per i regali di Natale, personalizzandole con dei disegni a tema oppure con adesivi.

Buste di Natale low cost


Su Pinterest si trovano tantissimi soggetti anche facili da copiare oppure possiamo dare libero sfogo alla nostra fantasia creando qualcosa di inedito. 

E chi riceverà il regalo apprezzerà che la confezione sia stata fatta ad hoc proprio per lui!



venerdì 4 novembre 2022

Dove fanno la cacca gli umani? / Gigliola Alvisi

Dove fanno la cacca gli umani? / Gigliola Alvisi

Questa è la storia di Cesare, un cane meticcio che vive con Dolcezza e Amore.
Avere dei padroni non sempre rende la vita più facile: senza padroni i cani potrebbero dormire, mangiare, fare pipì sull'albero ma soprattutto non ci sarebbe nessuno lì pronto a rubare la loro cacca appena fatta.
Ma sembra che Cesare e i suoi amici abbiano trovato una strategia anche a questa ingiustizia: farne un pezzettino alla volta finché gli umani si stancano di raccoglierla!
Ma... gli umani dove fanno la cacca? Si chiede il nostro cane senza trovare risposta.
Una mattina Cesare si accorge che Dolcezza è diversa: non ha più lo stesso odore e ha persino un nuovo colore che la circonda, un colore diverso da tutti quelli che Cesare le abbia visto: c'è un bambino in arrivo!
La pancia di Dolcezza aumenta ogni giorno di più e sembra che Cesare sia l'unico a riuscire a calmare il piccolo nel grembo. E quando arriva il grande giorno Dolcezza e Amore escono di corsa per recarsi all'ospedale lasciando Cesare da solo per tante ore, solo con i suoi pensieri poco felici.
Si chiede se è stato cattivo, se si è comportato male.. E' stato punito perché vuole sapere dove fanno la cacca gli umani?
Finalmente Amore torna e gli fa sapere che è nata Bellissima e quando dopo qualche giorno la incontra, Cesare teme che possa prendere il suo posto nel cuore dei suoi padroni.
Quando Dolcezza lo nomina guardia di Bellissima tutti i dubbi spariscono. E finalmente, quando  accompagna Dolcezza nel cambio del pannolino, scopre dove fanno la cacca gli umani.
Mistero risolto!

Dove fanno la cacca gli umani? / Gigliola Alvisi



Questa libro è stato una lettura per le vacanze di qualche anno fa e ci è piaciuto tantissimo e per certi aspetti mi ha ricordato la storia di Lilli di Lilli e il Vagabondo e la sua gelosia quando nasce il pupo di Tesoro e Giannicaro.
E' una storia dolcissima e divertente e il fatto di essere narrata da Cesare ci fa scoprire tutte le sue emozioni, le sue paure e i suoi pensieri. Un modo diverso di vedere la vita dalla prospettiva di un cane.
Una lettura ideale per sorridere insieme ai vostri bambini.

Dove fanno la cacca gli umani?
Gigliola Alvisi
Edizioni Il Battello a Vapore
€ 8,90



venerdì 23 settembre 2022

Cucito easy: l'astuccio di geometria

 Finalmente è ricominciata la scuola e per Tito sarà l'ultimo anno di primaria. Si sente già grande e mi dice che adesso è un ragazzo, non più un bambino...aiuto!!!

Però alcune passioni "da bambino" le ha mantenute, come quella per i pokemon. 

Lo scorso anno aveva una maglietta appunto dei pokemon con le paillettes che cambiano disegno in base al senso in cui le giri. Per quest'anno era troppo piccola per cui ho pensato di utilizzarla per fargli un astuccio per la scuola.

Siccome aveva già rotto un goniometro ho pensato di fare l'astuccio imbottito in modo che possa contenere e proteggere da urti sia il goniometro che i vari righelli.

Cicito easy, astuccio per geometria


Per la confezione vi rimando All'astuccio in jeans che ho fatto tempo fa, l'unica differenza da quel progetto è che ho utilizzato la maglietta tagliando a misura e del tessuto imbottito per la fodera. 

È una bella idea anche per il riciclo di indumenti a cui ci si affeziona!

venerdì 26 agosto 2022

La torta in cielo / Gianni Rodari

La torta in cielo

Tito ha iniziato a conoscere un po' questo autore a scuola in occasione del centenario della sua nascita un paio di anni fa. A casa abbiamo proseguito con alcune letture  (abbiamo le Favole al telefono) e in biblioteca abbiamo preso in prestito questo romanzo che abbiamo letto insieme un po' per sera.

La storia si svolge a Roma, nella borgata del Trullo dove una mattina molto presto appare in cielo uno strano oggetto circolare e scuro non identificato.
I primi avvistatori pensano si tratti di un disco volante e in poco tempo la borgata si riempie di pompieri, camionette della Questura e carri armati.
Anche Paolo e Rita assistono a questo trambusto dal loro balcone e ad un tratto, proprio sul loro balcone, cade uno strano oggetto.
Superata la diffidenza iniziale scoprono che lo strano oggetto altro non è che un pezzo di cioccolato di prima categoria e si rendono conto che in cielo non c'è un'astronave bensì una gigantesca torta!
Nonostante le recinzioni, l'operazione Emergenza Spaziale e i militari sparsi nella zona di atterraggio dell'oggetto, Paolo e Rita riescono a raggiungere la torta e a scavarci un bel tunnel.
Passando attraverso strati di budino, pezzi di marzapane, frolla e zabaione, in una grotta incontrano uno strano personaggio che si presenta loro come Professor Zeta.
Scoprono così che la torta è nata da una distrazione: il professore lavorava ad una bomba atomica ma un pasticcino vi cadde per errore e quando la bomba scoppiò la nuvola atomica si addensò fino a formare la torta in cui cadde il professore stesso.
Il professore vuole eliminare la torta per non dover avere sempre sotto gli occhi l'errore commesso ma a questo ci pensano i bambini. 
Quando Rita si trova in ospedale per degli accertamenti dopo aver mangiato il dolce, i bambini ricoverati le chiedono della torta e da lì nasce un passaparola che oltrepassa i muri dell'ospedale stesso: ogni bambino avvisato della torta al Trullo deve avvisarne un altro che a sua volta ne avviserà un altro ancora....
Ecco quindi arrivare bambini da ogni parte per mangiarsi la torta e a nulla valgono i richiami dei genitori!
Le mamme sono quindi costrette a recarsi al Trullo a recuperare i figli immersi nel cioccolato fino alle orecchie e una volta arrivate si rendono conto che non si tratta di una nave spaziale ma di una torta.
 Anche le mamme si mettono a mangiare seguite da soldati, pompieri e vigili urbani.

La storia così insolita risulta molto simpatica a chi la legge e il fatto che i bambini siano i veri "eroi" la rende ancora più piacevolie.
I bambini si dimostrano più coraggiosi, più intraprendenti e più svegli degli adulti, non hanno paura di affrontare una situazione sconosciuta ma ci si buttano a capofitto.
Paolo e Rita riescono con la loro scaltrezza a introdursi nella torta alla faccia delle forze dell'ordine (compreso il papà poliziotto) e la piccola Rita riesce addirittura a mettere insieme un "esercito" di bambini mangia-torta.
A Tito sono piaciute molte anche le frasi e le parole in romanesco e pure le illustrazione un po' datate di Altan, così diverse dalle illustrazioni a cui è abituato.

La torta in cielo
Gianni Rodari
Edizioni Einaudi Ragazzi
92 pagg







Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...